ACQUA DI COLONIA DELL'ABATE

20.jpg
20_ACQUA DI COLONIA DELL'ABATE.jpg
20.jpg
20_ACQUA DI COLONIA DELL'ABATE.jpg

ACQUA DI COLONIA DELL'ABATE

25.00

La Colonia di una volta, delicata ed agrumacea, ma persistente, è adatta a tutti: uomini, donne e bambini. Fu formulata alla fine del 700 per confortare l’Abate Atanasio Staccioli gravemente ammalato.

Quantity:
Al carrello

I Profumi ci emozionano e ci toccano il cuore! Da svariate generazioni i ricercatori lavorano per scoprire il mistero che presiede all’evoluzione del senso dell’olfatto e, negli ultimi anni, grazie alle moderne tecnologie, alcuni scienziati sono riusciti a chiarirne il misterioso processo. In cima alla cavità nasale, all’incirca all’altezza degli occhi, vi sono le due mucose nasali sinistra e destra. Ciascuna di esse composta da ben 10 milioni di cellule nervose, ricoperte da un sottile strato mucoso. Ognuna di esse è ricoperta da un ciuffetto composto dai sei agli otto peli vibratili che hanno, sulla loro superficie una serie di recettori. Questi ultimi sono chimicamente disposti in modo che le differenti molecole degli odori vi passino dentro esattamente come degli incastri di un puzzle infinitesimale. La mucosa nasale, è l’unico punto in tutto il nostro corpo, in cui il sistema nervoso centrale è in diretto contatto con il mondo esterno.
Le molecole profumate provocano, sui peletti della mucosa, reazioni chimiche che danno vita, a loro volta, agli stimoli elettrici delle cellule nervose. Le fini appendici delle cellule nervose comunicano da una parte col naso e dall’altra, attraverso un sottile osso bucherellato detto “etmoide”, con l’interno del cranio. Qui gli stimoli olfattivi trovano i bulbi olfattivi, che li distribuiscono nelle varie parti del cervello (gli odori pungenti e acri come quelli di ammoniaca, acido acetico, od ossido di carbonio vengono trasportati oltre, da altri terminali nervosi, che reagiscono all’irritazione provocata dal contatto con queste molecole).
Gli stimoli olfattivi raggiungono direttamente il sistema limbico, senza passare preventivamente la censura della corteccia cerebrale, come succede invece agli altri stimoli sensoriali. Essi raggiungono, così, la parte più profonda della nostra centrale di comando, dove i profumi ci arrivano direttamente al cuore, prima ancora di renderci conto di un profumo, esso ha già fatto effetto sul nostro inconscio.
Gli stimoli odorosi provocano, nel sistema limbico, la produzione di sostanze neurochimiche come: l’encefalina, la serotonina, l’adrenalina e le endorfine, con differenti risultati. Le encefaline calmano il dolore, possono provocare stati di felicità fino all’euforia ed anche un diffuso senso di benessere; le endorfine sono sedative del dolore, nello stesso tempo stimolanti sessuali; la serotonina calma e rilassa; l’adrenalina stimola e sveglia.
Nel sistema limbico vi è la centrale del comando che soprassiede alla sessualità, alla simpatia, alle predisposizioni innate, ai ricordi, all’umore, alla creatività ed alla regolazione del sistema neurovegetativo.
I profumi stimolano la sessualità, nel senso più profondo del termine. I ferormoni, sostanze profumate con effetto simile a quello degli ormoni, influenzano la scelta del partner, sia tra gli uomini che tra gli animali. I profumi possono provocare stati d’animo positivi o anche negativi. Poiché le posizioni inconsce si annidano nel sistema limbico, possono essere alterate o accentuate da particolari profumi.
Profumi e ricordi vengono immagazzinati nel sistema limbico. Fin dal primo giorno di vita entriamo in contatto con gli odori, che colleghiamo a precise sensazioni. In questo modo, ognuno di noi, stabilisce il proprio rapporto personale con ciascun odore (alcuni di essi sono considerati piacevoli da un intero popolo, ma non dal popolo appena confinante).
Il più discusso e oscuro ambito di azione degli oli essenziali è rappresentato dalla loro influenza sull’odorato. E’ indubbio che nel corso della storia, gli olii aromatici, siano stati utilizzati a motivo della loro capacità di influenzare le emozioni e gli stati mentali; ciò ne spiega, tra l’altro, l’impiego dell’incenso per scopi religiosi e ritualistici.

INGREDIENTI: Alcohol, Parfum, Limonene, Benzyl Benzoate, Coumarin, Farnesol, Citral, Linalool. Citral.

Flacone da 50ml

EAN 8398890647200